Spiaggia Praia di Favignana – Recensione e Opinioni

 

L’isola di Favignana fa parte dell’arcipelago delle Egadi in Sicilia. Favignana è una delle isole più apprezzate dai turisti, i motivi di tale apprezzamento sono dovuti alla presenza di una folta flora e fauna, quasi incontaminata, e alle sue spiagge rilassanti che si affacciano sia sul Mar Tirreno che sul Mediterraneo. Favignana, essendo un’isola, è circondata da 33 km di costa. Sulla sua costa è possibile notare un susseguirsi di spiagge di tipo scoglioso o ciottoloso, intervallate anche da zone caratterizzate dalla presenza di sabbia sottile e dorata.

Vicino alla costa, oltre alla spiaggia, un’altra attrattiva è rappresentata dalla folta flora circostante, caratterizzata dalle specie tipiche della macchia mediterranea. Anche se la flora dell’isola è molto caratteristica, ciò che spinge principalmente i turisti a raggiungere Favignana, ogni anno, sono le sue spiagge. Tutte le spiagge di Favignana sono degne di nota, anche se differenti tra loro, una delle più belle e apprezzate però è sicuramente Spiaggia Praia.

La Spiaggia Praia di Favignana si trova sulla costa settentrionale dell’Isola, questa è molto vicina al centro cittadino, per questo motivo è anche una delle più frequentate durante il periodo estivo. La spiaggia è interessata dalla presenza di una fascia di sabbia dorata, con pochi scogli e bagnata da un mare turchese cristallino, del quale si può osservare facilmente il fondale.

Uno dei principali pregi di questa spiaggia è la sabbia sottile. Oltre alla sabbia, da segnalre il mare che bagna la spiaggia Praia, che scende lentamente verso il largo. Questo significa che all’inizio è possibile fare il bagno in acque basse, mentre allontanandosi ci si può avventurare nelle acque più profonde.

La spiaggia Praia di Favignana non è solo tra le più belle, ma è tra le più fornite di servizi per i turisti, che decidono di passare le proprie ferie sull’isola. Per esempio, si può scegliere di frequentare i lidi attrezzati, con sedie, sdraio e ombrelloni oppure di godere degli spazi dedicati alla spiaggia libera. Nelle vicinanze della spiaggia, invece, è possibile trovare diverse strutture ricettive, come alberghi. Infine, è possibile frequentare i vari bar e ristoranti caratteristici della zona, che rendono la spiaggia Praia di Favignana un luogo vivace e accogliente per tutti i turisti che scelgono di raggiungerla.

Read More

Spiaggia Porta Botteghelle di Trapani – Recensione e Opinioni

 

Le città che si affacciano sul mare sono dotate di un fascino quasi esotico rispetto alle altre. Grazie, infatti, alla presenza di porticcioli e arenili cittadini, spesso situati a pochi passi dal centro, è possibile ricreare l’illusione che l’estate, in realtà, non finisca mai. Allo stesso modo, poi, dall’inizio della primavera fino all’autunno, ogni fine settimana può essere trasformato in una piccola vacanza. Tra i luoghi che godono di questo privilegio paesaggistico e ambientale c’è anche la città di Trapani, grazie alla sua spiaggia di Porta Botteghelle. Questa si estende lungo un tratto particolarmente suggestivo, visto che si allunga proprio sotto le mura di Tramontana con un accesso diretto alla porta omonima.

In questa zona il mare lambisce la riva andando a formare dei tratti di spiaggia caratterizzati da sabbia dorata e un’acqua cristallina. Il fondale, poi, va degradando dolcemente in profondità. Mai, però, come in questo caso, la bellezza della natura viene esaltata anche dalle strutture architettoniche che circondano la spiaggia di Porta di Botteghelle. Nello specifico si fa riferimento proprio alle mura di Tramontana già citate.

A creare le fortificazioni vere e proprie è stato l’imperatore spagnolo Carlo V nel 1535. A creare questo panorama unico, dunque, si può dire che fu il lavoro a quattro mani, anche se in tempi diversi, di una divinità e di una testa coronata.

Sarà forse per questo, dunque, che la spiaggia di Porta Botteghelle offre un panorama veramente eccezionale. Questo, poi, diventa indimenticabile se, al termine di una giornata trascorsa pigramente sdraiati sulla spiaggia, si decide di compiere pochi passi e ammirare il tramonto proprio dall’alto delle mura. In questo caso, soprattutto, se accompagnati da un buon bicchiere di vino, si può provare l’inebriante sensazione di essere in completa e assoluta pace con se stessi e il mondo. Per godere del momento nel migliore dei modi, però, si consiglia di portare una felpa. Dopo una giornata di sole, infatti, il vento che si alza dal mare potrebbe essere fastidioso.

Read More

Spiaggia Porto Palo di Menfi – Recensione e Opinioni

 

Quando si parla di Menfi la mente corre immediatamente all’antica città dell’Egitto fondata, secondo quanto viene riportato dallo storico Erodoto, per volontà del faraone Narmer, che diede inizio alla dinastia thinita. In questo caso specifico, però, si fa riferimento a una cittadina omonima che si trova in Sicilia e, più precisamente, nella provincia di Agrigento. Questa, nonostante non possa esibire una fama epica e mitologica al pari del centro egiziano, ha dalla sua un’importanza geografica e storica certo non da poco. Il centro di Menfi, infatti, si trova situato in una zona di grande interesse artistico, visto che è circondata dai templi di Selinute e dall’area degli scavi archeologici di Eraclea Minoa.

Oltre a questo, poi, la zona ha visto l’arrivo di alcune etnie molto importanti per la Sicilia. I primi, ovviamente, furono i Saraceni, cui si susseguirono gli spagnoli. E proprio a questi, specificatamente agli Aragona, Menfi deve la sua fondazione ufficiale nel 1638. Oltre ai resti di questo passato, però, la cittadina oggi è particolarmente cara al cuore degli abitanti e di molti turisti per la bellezza del mare e dei suoi lidi. In modo particolare, si fa riferimento alla spiaggia di Porto Palo. Questa zona, infatti, è considerata come un luogo dall’incredibile bellezza naturalistica. Non è un caso, infatti, che da oltre venti anni Porto Palo viene premiato con la bandiera blu da parte del Fee. Questo riconoscimento attesta, a livello internazionale, la qualità dell’acqua e dei servizi offerti ai bagnanti.

Situata sul versante sud occidentale della Sicilia, la spiaggia di Porto Palo è caratterizzata da un arenile di fine sabbia chiara che si estende per circa dieci chilometri. Per chiudere, poi, la descrizione di una spiaggia veramente a misura di uomo e pronta a venire incontro a diverse necessità, si ricorda anche l’incredibile installazione di una pista ciclabile proprio sul lungo mare. In questo modo agli appassionati delle due ruote è offerta la possibilità di una passeggiata che, lambendo il mare, conduce verso il fiume Carboj.

Read More

Spiaggia Porticello di Lipari – Recensione e Opinioni

 

Pochi luoghi come le isole che compongono l’Arcipelago delle Eolie offrono la possibilità di ammirare i diversi modi in cui l’erosione del mare e la diversa natura del territorio contribuiscono a creare dei panoramici insoliti e assolutamente unici nel loro genere. Così, tra le isole caratterizzate da una prevalenza di pietra lavica nera, diretta conseguenza della loro natura vulcanica, si staglia Lipari, che a queste note scure intervalla il bianco candido delle pareti di pietra pomice.

Proprio in questo luogo, all’interno di questo panorama così insolito si inserisce un’eccellenza naturalistica dell’isola di Lipari. Il riferimento è alla spiaggia di Porticello che, situata all’estremo nord della costa orientale a solo qualche chilometro dal paese, rappresenta una particolarità per lo sguardo di chi decide di trascorrere una giornata sulle sue rive.

Porticello, infatti, è caratterizzata da un arenile in cui si uniscono le nuance grigio scuro con sabbie, ghiaia e ciottoli cui si mischia anche la pomice candida. Questa, in passato, dava origine a un arenile completamente bianco che, in contrapposizione con la pietra lavica, andava a formare un contrasto cromatico essenziale e suggestivo. Attualmente, però, l’effetto è andato diminuendo, visto che è possibile rintracciare solamente dei ciottoli di pomice di diverse dimensioni.

L’incontro tra il bianco e il nero di questa natura mista e capricciosa, però, non si ferma certo all’arenile della spiaggia di Porticello. Anzi, trova il suo massimo splendore nel confronto tra l’imponente Monte Pilato, dove è possibile ammirare proprio le grandi cave di pietra pomice di Campo Bianco, e la colata della scura ossidiana che definisce la natura delle Rocche Rosse. Per completare questo gioco di contrarti cromatici degni di un pittore dal capriccioso talento, si aggiunge anche un mare che, oltre a fare sfoggio di un’incredibile limpidezza, durante l’arco della giornata mostra varie sfumature di turchese. A tutto questo si aggiunge, poi, anche una facilità di accesso alla zona, che può essere raggiunta senza nessun problema con autobus direttamente dal paese di Lipari. Una volta arrivati, ad accogliere turisti e locali ci sono anche delle attrezzature come bar e affitto di lettini per trascorrere una giornata al sole nel migliore dei modi.

Al termine di questo bagno di sole e rilassatezza, potrebbe essere un vero spettacolo per gli occhi e per l’anima assistere al calare del sole e al diradarsi della luce che, cambiando inclinazione e perdendo di potenza offre dei riflessi straordinari riflettendo sul grigiore della pietra lavica e il biancore splendente delle pareti di pietra pomice.

Read More

Spiaggia Pollina di Cefalù – Recensione e Opinioni

 

La storia di Cefalù è legata in modo quasi indissolubile al mare e, grazie a questo elemento, è andata evolvendosi anno dopo anno. Traendo ispirazione da fatti storici, infatti, si ricorda che, proprio dall’acqua che bagna la Sicilia, sono arrivati i greci, cui si deve la fondazione di Cefalù. Oltre a questo, poi, il mare ha rappresentato una fonte di fortuna economica, visto che ha posto le basi per la crescita del commercio e lo sviluppo del turismo. Due aspetti, questi, che hanno tratto maggior forza dalla bellezza naturale della costa e dalle ricchezze culturali che caratterizzano la città di Cefalù.

Tra i tesori preziosi di questo luogo ci sono anche le sue spiagge, che rappresentano un vero e proprio fiore all’occhiello. Tra tutte brilla quella di Pollina che, oltre all’effettiva bellezza del suo paesaggio, offre anche un’ottima offerta per quanto riguarda il divertimento al calare del sole.

Questa si trova a 11 chilometri dal centro di Cefalù e, per essere raggiunta, si deve percorrere un tratto di litorale particolarmente spettacolare. La Statale 113, infatti, costeggia il mare dall’alto, offrendo un paesaggio mozzafiato. Per questo motivo si consiglia, dove è possibile, di accostare e spendere alcuni minuti in una semplice e rilassante contemplazione. Dopo essersi riempiti gli occhi con tanta vastità, è il caso di rimettersi in macchina e arrivare a Pollina. Risulta essere necessario parcheggiare in un piazzale situato poco prima di arrivare a Finale di Pollina. Per arrivare in spiaggia, infatti, si deve procedere a piedi percorrendo un sentiero che si trova a sinistra del parcheggio. La strada è facilmente riconoscibile, visto che è caratterizzata da alcuni murales.

Una volta giunti alla fine del sentiero si viene accolti da un arenile piuttosto ampio costituito da sabbia e ghiaia fine, bagnata da un mare eccezionalmente cristallino. Unico aspetto negativo, nel caso in cui si sia alla ricerca di riservatezza e tranquillità, è proprio l’affollamento cui è sottoposta la spiaggia di Pollina durante i mesi di alta stagione, ossia Luglio e Agosto. A incontrarsi lungo le sue rive sono soprattutto i più giovani che, in questo luogo, sono sicuri di trovare il giusto svago. Il litorale di Pollina, infatti, è conosciuto come una terra di divertimento assicurato. Per partecipare alla festa, infatti, basta attendere il tramonto. In questo momento della giornata, dopo aver trascorso ore sotto il sole o accarezzati da acque cristalline, sulla Spiaggia di Pollina si accendono i falò e si alza la musica per far iniziare la festa. La situazione, però, cambia immediatamente non appena si entra nella bassa stagione. In quel periodo, infatti, complice un clima ancora caldo, è possibile godere del luogo immersi nella tranquillità e in un certo isolamento.

Read More