Spiaggia Marina di Cottone Fiumefreddo – Recensione e Opinioni

 

Quando ci si avventura nella scelta di una località di vacanza in Sicilia non è raro trovarsi davanti l’occasione di passare delle tranquille giornate al mare circondati, oltretutto, anche da una riserva naturale. Questo, ovviamente, dipende sostanzialmente dalla presenza di un fiume che scorre pochi chilometri o, in alcuni casi, anche pochi metri, dal mare. Un esempio piuttosto attendibile potrebbe essere proprio quello della spiaggia di Marina di Cottone Fiumefreddo, alle cui spalle si estende proprio la riserva naturale del fiume Fiumefreddo.

Nello specifico questo tratto di arenile piuttosto lungo si estende sulla costa centro orientale della Sicilia ed è caratterizzato da un fondo ghiaioso. Questo particolare permette al mare di risultare particolarmente limpido e trasparente perfino nelle giornate più mosse. Spesso, infatti, un fondale sabbioso potrebbe creare un effetto torbido o poco chiaro anche nei mari più puliti. Ecco per quale motivo alcuni turisti prediligono proprio delle spiagge composte da ghiaia come quella di Marina di Cottone. Altrettanto apprezzati, poi, sono altri elementi che, eludendo dall’aspetto puramente naturale della zona, ne aumentano comunque il valore agli occhi di chi proprio non se la sente di passare un’estate all’insegna dell’avventura. Per questo motivo, dunque, la spiaggia presenta dei tratti completamente liberi dove, per esempio, potrebbe essere possibile anche piantare la propria tenda per passare una notte a stretto contatto con il mare, ed altri, invece, perfettamente attrezzati, dove viene offerta la possibilità di affittare lettini e ombrelloni. Nel primo caso, comunque, si consiglia sempre di non arrivare sprovvisti della giusta attrezzatura per garantire un riparo durante le ore più calde che, in Sicilia, sembrano essere ancora più inflessibili.

La posizione strategica della spiaggia di Marina di Cottone Fiumefreddo, inoltre, permette di programmare una vacanza che, accanto a delle giornate trascorse pigramente sdraiati al sole tra un bagno ed un altro, preveda anche delle escursioni di stampo naturalista o culturale. In sostanza, dunque, scegliendo questa zona come punto base, è possibile raggiungere diversi luoghi di interesse turistico come, per esempio, l’Etna, i Giardini di Naxos e la tanto apprezzata Taormina. Senza, dimenticare, poi, anche un’altra riserva naturale, ossia quella dell’Alcantara.

Considerati tutti questi elementi, dunque, la spiaggia di Marina di Cottone Fiumefreddo risulta essere una località di vacanza adatta per molte e diverse tipologie di turismo. Per concludere, indipendentemente dal fatto che si desideri esplorare il territorio circostante o si preferisca trascorrere dei giorni di riposo, questo luogo offre anche la possibilità di varie soluzioni per l’ospitalità.

Read More

Spiaggia Lena di Stromboli – Recensione e Opinioni

 

Chi sceglie la tranquillità di un’isola per le proprie vacanze spesso è alla ricerca di un luogo particolare capace di ridimensionare i ritmi frenetici della quotidianità cittadina e di riappacificare l’animo con la natura. Per questo motivo non è certo insolito provare il desiderio di isolarsi, anche se per poche ore o una giornata interna, avendo quasi l’illusione di essere gli unici abitanti di una piccola porzione di terra affacciata su di un mare azzurro e cristallino. Per sperimentare questo incanto le isole che compongono l’arcipelago delle Eolie rappresentano una delle soluzioni migliori. Tra tutte Stromboli, per la sua conformazione lavica e per la presenza di un vulcano ancora nel pieno della sua attività, rappresenta sicuramente la scelta più particolare. Nonostante questo, però, è impossibile non ammettere che, durante i mesi estivi, l’isola venga presa d’assalto da un numero importante di turisti.

Stabilito questo, dunque è lecito porsi alcuni interrogativi sulla possibilità di ottenere isolamento nel centro di Stromboli. In realtà, però, la soluzione viene offerta dalla stessa isola che nasconde, nella sua punta più estrema un luogo misterioso e realmente particolare per posizione e conformazione. Si tratta della spiaggia di Lena. Questa si trova nell’estrema punta a sud dell’isola vicino alla contrada che porta il medesimo nome. A costruire il mistero e l’isolamento di questo luogo è proprio il piccolo centro, ormai quasi disabitato, e la possibilità di arrivare sulla spiaggia esclusivamente via mare.

Tutti questi fattori sommati insieme non fanno altro che scoraggiare i vacanzieri alla ricerca di comodità e luoghi più alla moda. Per chi, invece, volesse godere di una giornata di assoluto silenzio, fatta eccezione che per il rumoreggiare del mare, la spiaggia di Lena rappresenta una conquista che vale nonostante qualche piccola scomodità.

Una volta sbarcati su questo angolo dell’isola ci si troverà di fronte ad un paesaggio incredibilmente suggestivo. Il litorale, infatti, è caratterizzato da granito grigio che, bagnato costantemente da un mare blu cobalto, acquista una lucentezza veramente particolare. A rendere il luogo ancora più eccezionale, poi, è un silenzio assoluto, cui abbiamo già accennato, e che, all’inizio, potrebbe causare un vago senso di confusione, soprattutto se si arriva dal vociare vacanziero delle vie centrali di Stromboli. In questo luogo, dunque, è possibile rimanere a contatto esclusivo con i propri pensieri o lasciarsi andare alla contemplazione di un orizzonte infinito anche durante i mesi più affollati dell’alta stagione. Anzi, potrebbe trattarsi di un vero e proprio toccasana di cui godere proprio all’inizio della propria vacanza, quando lo stress della città ancora non ci ha abbandonato.

Read More

Spiaggia Marina di Acate – Recensione e Opinioni

 

Compilare una classifica delle zone balneari più belle della Sicilia non è certo un’impresa facile. Risulta essere innegabile, infatti, che questa regione, baciata da un mare straordinariamente limpido, ha anche il pregio di vantare un gran numero di lidi dall’aspetto e dalla conformazione diversa. Questo significa, dunque, che, tenendo in conto le diverse esigenze dei suoi abitanti e del sempre numeroso popolo dei vacanzieri, la Sicilia riesce ad essere una vera e propria terra delle meraviglie. Detto questo, però, è indiscutibile il fatto che, alcune zone sono più apprezzate di altre, vantando delle spiagge particolarmente amate e frequentate. Una di questa, ad esempio, viene identificata con la provincia di Ragusa. In questo luogo, infatti, sembrano radunarsi i lidi che, alla bellezza e particolarità naturalista, uniscono anche una certa organizzazione, tanto apprezzata soprattutto da chi necessità di alcune strutture per garantire tutto il comfort possibile ai propri bambini.

Per chi, dunque, stesse progettando proprio una vacanza nell’antica e preziosa Sicilia, una meta consigliata potrebbe essere la spiaggia Marina di Acate. Questa si trova, con esattezza nella parte sud orientale della regione, vicino alla frazione marinara della cittadina che dista, per lo più, 13 chilometri. Questo dato, per esempio, mette in evidenza anche una certa praticità nel caso in cui si desiderasse alloggiare in un luogo poco distante dalla spiaggia. In questo caso, però, è consigliato arrivare in macchina o affittare un mezzo sul posto per la durata della vacanza. In sostanza ci si trova di fronte ad un piccolo centro balneare sorto, passo dopo passo, tra le serre e il mare.

Approfondendo l’aspetto strutturale e naturale della spiaggia di Marina di Acate, poi, questa è caratterizzata soprattutto da una fine sabbia bianca. Questo aspetto, oltre ad essere particolarmente apprezzato da chi non nutre particolare passione per gli arenili scuri o di natura vulcani, definisce un ambiente dal vago sapore tropicale. Oltre a questo, però, la spiaggia, nel corso degli anni, sembra essere stata apprezzata con particolare costanza soprattutto dalle famiglie.

Alla crescita di questo successo ha contribuito un fondale straordinariamente limpido che, soprattutto, degrada dolcemente in profondità. In questo modo, dunque, la spiaggia di Marina di Acate si trasforma quasi in una piscina naturale in cui anche i più piccoli possono giocare senza particolare apprensione da parte dei propri genitori. Ovviamente è sempre consigliato prestare attenzione ai bambini durante il momento del bagno. Per finire, poi, ricordiamo che, pur registrando la presenza di alcune strutture specifiche per l’accoglienza e la ristorazione, la spiaggia di Marina di Acate è da considerarsi come un tratto libero di arenile.

Read More

Spiaggia Marasolo di Favignana – Recensione e Opinioni

 

Ogni anno l’isola di Favignana viene letteralmente presa d’assalto da un nutrito popolo di vacanzieri alla ricerca delle bellezze naturali, il senso di libertà e il distacco dalla propria quotidianità che solamente questi luoghi così particolari sono in grado di offrire. Inutile dire, poi, che l’attrattiva maggiore capace di caratterizzare la più grande delle isole dell’arcipelago delle Egadi, è proprio la sua costituzione e, in modo particolare, le molte spiagge entrate di diritto tra i luoghi più ambiti da visitare.

In effetti, oltre ad essere la meno selvaggia e quella dotata di un numero maggiore di strutture dedicate all’accoglienza, Favignana si identifica soprattutto per quei 33 km di costa strutturata attraverso un susseguirsi di baie e calette, tra cui s’inseriscono anche scogli e sabbie miste a ciottoli. A completare questa ambientazione, poi, contribuisce notevolmente anche una distesa marina che, come la tela di un pittore, mostra una variante incredibile di sfumature, dando dal turchese fino al blu più intenso.

Detto questo, dunque, non stupisce certo la presenza a Favignana di alcune tra le più belle spiagge d’Italia. Tra queste è possibile inserire anche quella di Marasolo, situata sul versante meridionale dell’isola. Arrivati in questo luogo, ci si trova di fronte ad un tratto particolarmente suggestivo di costa che si estende con precisione nell’ansa est di Punta Longa. In questo luogo si viene accolti da rocce basse, che vanno degradando verso il mare, tra cui si inseriscono anche delle piccole spiagge. A fare da cornice a questo paesaggio dal fascino selvaggio e naturale, poi, non poteva mancare un mare che, in questo punto specifico, raggiunge un grado di trasparenza incredibile. Tanta bellezza, però, non è facilmente raggiungibile con dei mezzi motorizzati, visto che è possibile arrivare nel tratto di costa che ospita la spiaggia di Marasolo solamente a piedi.

Questa difficoltà o, se vogliamo, assenza di comodità, contribuisce a mantenere la zona al riparo da un turismo di massa o famigliare. Inutile dire, infatti, che per una famiglia, appesantita da una serie di accessori necessari per la cura e il divertimento dei bambini durante una giornata in spiaggia, Marasolo non rappresenta certo la meta più agevole. Al contrario, invece, il luogo può rappresentare il giusto premio per chi, scegliendo di trascorrere delle vacanze all’insegna della tranquillità a stretto contatto con la natura, decide di privarsi di una serie di comodità pur di godere di tale spettacolo. Per questo motivo, dunque, non sono rari i casi di chi decide addirittura di piantare la propria tenda sulla spiaggia di Marasolo per godere di un tramonto ed un’alba veramente unici.

Read More

Spiaggia Le Solette di Menfi – Recensione e Opinioni

 

Dopo un lungo anno trascorso a lavorare o nel caos tipico delle grandi città, per alcuni la vacanza fa inevitabilmente rima con tranquillità, riposo e, in un certo modo, solitudine. Effettivamente, per ricaricare le proprie batterie interiori ed affrontare con rinnovata energia gli impegni di una nuova stagione invernale, è fondamentale poter sottoporre l’animo e lo sguardo ad una bellezza placida capace di imporre i suoi ritmi lenti. Per potere godere di tutto questo, dunque, non rimane che andare alla scoperta di un luogo veramente unico come la spiaggia delle Solette di Menfi. Geograficamente parlando si trova sul versante sud orientale della Sicilia ad ovest di Porto Palo, ossia una zona che notoriamente offre la possibilità di visitare e scoprire molte calette di grande bellezza. Quello che, però, rende la spiaggia delle Solette, un luogo particolare e, a suo modo, veramente unico, è la tranquillità e l’apparente lontananza da qualsiasi tipo di affanno quotidiano.

In questo senso, dunque, scegliere di trascorrere una giornata sul suo arenile significa porsi volontariamente al riparo da rumori, se non quelli naturali del mare, dal vociferare del turismo di massa e dal rombo del traffico che proprio non riesce, fortunatamente, a raggiungere la zona. Questo tratto di costa è essenzialmente caratterizzato da deliziose calette, a loro volta bagnate da acqua straordinariamente limpida e pulita. Il suo colore, infatti, riesce a variare dalle tonalità del blu a quelle del verde smeraldo secondo il riflesso della luce. In questo specchio di acqua, poi, si nascondo anche degli scogli sommersi che, in alcuni periodi dell’anno, riescono ad ospitare molluschi attratti dalla presenza di posidonia.

A completare il ritratto di questa zona, poi, è una fitta vegetazione mediterranea che, circondando interamente la costa, si lascia accarezzare dal vento che soffia quasi incessantemente dal mare, portando profumi intensi e lasciando il diritto di parola esclusivamente alla natura. Per raggiungere questo paradiso, poi, si deve percorrere un sentiero che, partendo da una collinetta circostante, arriva direttamente fino al mare.

Anche questo tragitto, poi, può trasformarsi, incredibilmente, in un’esperienza sensoriale. A rendere la discesa unica, infatti, è la presenza di un vigneto, di palme nane, cisto villoso e tante altre varietà di piante degne di un orto botanico. Tutto questo, abbinato al senso di isolamento e tranquillità che definisce la zona, ha reso la spiaggia delle Solette un luogo particolarmente apprezzato.

Read More